Il tempo che scorre in piena, tra due vecchi argini di mattoni. 
I vetri rotti, le biciclette senza ruote per le strade eternamente bagnate, l’odore di castagne arrostite dei venditori pakistani.
Le piazze piccole, senza gente.
I palazzi del centro ripitturati sempre da poco. 
L’asfalto, rifatto sempre da poco.
È una sensazione di inappartenenza che c’è qui, il tronco di un albero vuoto che passa sul fiume da ponte di Mezzo e va verso il mare.
Pisa, 2018-2019

You may also like

Back to Top